Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

schede_tecniche:elettrico:locomotive:e.626_ii_serie [2013/04/10 09:02] (versione attuale)
Daniele Neroni creata
Linea 1: Linea 1:
  
 +{{page>​schede_tecniche:​menu_tendina#​menu_locomotive_elettriche&​noheader&​nofooter&​noeditbtn&​firstseconly}}
 +
 +
 +----
 +
 +====== Locomotiva elettrica 3 kV CC E.626 - II Serie  ======
 +<WRAP centeralign center box bgorange 780px>
 +**E.626: [[schede_tecniche:​elettrico:​locomotive:​e.626:​start|Pagina indice]], [[schede_tecniche:​elettrico:​locomotive:​e.626_I_serie|I Serie]], [[schede_tecniche:​elettrico:​locomotive:​e.626_II_serie|II Serie]], [[schede_tecniche:​elettrico:​locomotive:​e.626_III_serie|III Serie]], [[schede_tecniche:​elettrico:​locomotive:​e.626_IV_serie|IV Serie]]**
 +</​WRAP>​
 +{{ :​schede_tecniche:​elettrico:​locomotive:​e.626:​e626_051.jpg?​direct }}
 +\\
 +----
 +
 +
 +~~NOTOC~~
 +
 +
 +==== Introduzione ====
 +  * Le E.626 di II Serie sono state realizzate grazie alle lunghe prove compiute sui 14 prototipi (I Serie) nel corso di due anni. Il risultato fù l'​ordinazione di queste locomotive "​unificate",​ che ripresero nello schema di rodiggio Bo' Bo Bo' la disposizione delle apparecchiature delle 009 - 011 (già E.626.001 - 003), con parte meccanica derivata dalla 005. Il progetto fece a meno, a scopo di una migliore unificazione,​ del comando multiplo e della frenatura elettrica, eliminata del resto anche sui prototipi tra il 1930 e il 1934.
 +  * Le E.626 di II Serie prestarono servizio prima della Seconda Guerra Mondiale nel nord - est d'​Italia,​ specie nelle regioni della Carnia e della Slovenia; nel corso del conflitto parecchie vennero distrutte e alcune furono requisite nel parco di altre amministrazioni (17 in Jugoslavia e 4 in Cecoslovacchia).
 +  * Nell'​occasione è stato eliminato il motogeneratore per gli ausiliari, che vengono alimentati direttamente a 3 kV CC (è dal ronzio particolare del motogeneratore che diede a queste macchine l'​appellativo di "​ronzoni"​). Da allora ha cominciato ad essere gradualmente rimosso anche il compressore meccanico, posto esternamente sul telaio in corripondenza degli assi centrali.
 +  * Queste locomotive, fatta eccezione per alcuni di I Serie, sono state le prime unità del gruppo ad essere radiate.
 +
 +
 +----
 +
 +
 +===== E.626.015 - 099 =====
 +
 +{{ :​schede_tecniche:​elettrico:​locomotive:​e.626:​e626_ii.jpg?​direct }}
 +
 +==== Scheda tecnica ====
 +
 +<​html>​
 +<​center>​
 +<table width="​550"​ border="​0"​ cellspacing="​0"​ cellpadding="​0">​
 +                <tr>
 +                  <td >​Classificazione FS</​td>​
 +                  <td >​E.626.015 - 099</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Unit&​agrave;​ costruite</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​85</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <​td>​Anni di costruzione</​td>​
 +                  <​td>​1931 - 1932</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Costruttori</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​OM - CGE, Tibb, Ansaldo, Breda, Cemsa, Savigliano</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <​td>​Rodiggio</​td>​
 +                  <​td>​Bo'​ Bo Bo'</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Rapporto di trasmissione</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​24/​73,​ 29/68, 24/73, 21/​76</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <​td>​Numero motori</​td>​
 +                  <​td>​6</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Tipo motori</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​32-200 FS</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <​td>​Potenza oraria UIC</​td>​
 +                  <​td>​1.950 ​ kW</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Potenza continuativa UIC</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​1.760 kW</​td>​
 +                </tr>
 +  <tr>
 +                  <​td>​Velocità massima </td>
 +                  <​td>​95 km/​h</​td>​
 +  </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Lunghezza totale</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​14.950 mm</​td>​
 +  </tr>
 +                <tr>
 +                  <​td>​Passo totale</​td>​
 +                  <​td>​11.550 mm</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Interperno</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​4.550 + 4.550 mm</​td>​
 +                </tr>
 +                <tr>
 +                  <​td>​Passo carrelli</​td>​
 +                  <​td>​2.450 mm</​td>​
 +  </tr>
 +                <tr>
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​Diametro ruote</​td>​
 +                  <td bgcolor="#​F1F1F1">​1.250 mm</​td>​
 +  </tr>
 +                <tr>
 +                  <​td>​Massa in servizio e aderente</​td>​
 +                  <​td>​97 t</​td>​
 +  </tr>
 +</​table>​
 +</​center>​
 +</​html>​
 +
 +
 +==== Informazioni aggiuntive ====
 +  * L'​alimentazione dei servizi ausiliari è fornita da un motogeneratore a 3 kV CC. I sei motori 32.300 FS sono a 4 poli principali e 4 secondari, isolati in classe A, e con avvolgimenti di campo dotati di due gradi di indebolimento di campo per ogni combinazione dei motori; le combinazioni sono tre: serie, serie-parallelo e parallelo. Nel 1942 i motori della 020 furono modificati a eccetazione composta per rendere più graduale la regolazione della velocità, ma l'​esperimento non ebbe seguito a causa della guerra.
 +
 +----
 +
 +
 +=== Bibliografia ===
 +  * "​Dall'​E.626 all'​Eurostar 1928-2008: Ottant'​anni di locomotive elettriche FS" di G. Cornolò - Ermanno Albertelli Editore 2008
 +  * “FS Locomotive elettriche” di S. Garzaro - Edizioni Elledi 1986
 +  * "E.625 - E.626" di C. Pedrazzini - Ermanno Albertelli Editore 1981