schede_tecniche

schede_tecniche
Automotrici termiche

Automotrice a benzina ALb 48

alb48_004.jpg



Scheda tecnica

alb48_101.jpg

Classificazione FS ALb 48.101 - 103
Unità costruite 3
Anno di costruzione 1932
Costruttore Fiat
Rodiggio (1A) 2'
Motore a benzina Fiat 255
Potenza di taratura 88,5 kW a 2.000 giri/min
Trasmissione meccanica a 4 velocità Fiat
Velocità massima 110 km/h
Lunghezza totale 13.816 mm
Larghezza massima 2.680 mm
Altezza massima dal p. d. f. 3.040 mm
Interperno/Passo dei carrelli 7.750/2.800 mm (1)
Diametro ruote 930 mm
Massa a vuoto 14,8 t
Posti a sedere 48

  1. Il perno del carrello motore è asimmetrico: 1.650 mm dall'asse esterno, 1.150 mm da quello interno.
  • Repulsori applicati successivamente.

Informazioni aggiuntive

  • Acquisite le prime esperienze con le ALb 25, la Fiat presenta alle FS nel 1932 un nuovo veicolo. questa volta con caratteristiche decisamente ferroviarie. La struttura automobilistica, è ormai accertato, male si adatta all'esercizio ferroviario, nel quale è sottoposta a sollecitazioni notevolmente superiori a quelle per le quali è concepita.
  • Con le ALb 48 nascono le vere e proprie « littorine ».
  • La cassa è sopportata da due carrelli a due assi, uno dei quali riceve il moto dal motore di trazione, fissato elasticamente alla cassa. Per queste unità viene anche elaborato un frontale aerodinamico che sarà poi utilizzato, con modeste varianti, su tutte le automotrici Fiat fino al 1936.
  • Particolare cura viene posta nella progettazione degli organi meccanici; il conforto di viaggio resta comunque una preoccupazione secondaria, in quando continuano a mancare le ritirate. I sedili sono invece imbottiti con rivestimento in similpelle. Il riscaldamento della cassa è realizzato in modo abbastanza semplice, utilizzando aria riscaldata dai gas di scarico del motore. Questa soluzione non è ottimale, ma ha i grandi pregi della facile realizzazione e del costo contenuto, per cui è molto diffusa sulle automotrici degli anni '30.
  • Le ALb 48.101 - 103 risultano radiate e demolite dal parco FS.

Scheda tecnica

alb48_104.jpg

Classificazione FS ALb 48.104 - 115
Unità costruite 12
Anno di costruzione 1933
Costruttore Fiat
Rodiggio (1A) 2'
Motore a benzina Fiat 255
Potenza di taratura 88,5 kW a 2.000 giri/min
Trasmissione meccanica a 4 velocità Fiat
Velocità massima 110 km/h
Lunghezza totale 15.616 mm
Larghezza massima 2.680 mm
Altezza massima dal p. d. f. 3.040 mm
Interperno/Passo dei carrelli 9.950/2.800 mm (1)
Diametro ruote 930 mm
Massa a vuoto 16,7 t
Posti a sedere 48

  1. Il perno del carrello motore è asimmetrico: 1.650 mm dall'asse esterno, 1.150 mm da quello interno.

Informazioni aggiuntive

  • Alle tre unità prototipo fanno seguito nel 1933 dodici automotrici identiche nella struttura alle prime, ma con una cassa allungata di 1.800 mm. Disponendo di uno spazio maggiore, è possibile installare le ritirate. Sui frontali, ai lati del radiatore, vengono collocati due piccoli repulsori, al fine di evitare il danneggiamento del radiatore stesso in caso di lievi urti durante le manovre.
  • Nel corso del 1934 il numero dei posti a sedere viene ridotto a 40 (senza variare la classificazione) per l'aggiunta del compartimento postale.
  • Nel 1940 cinque ALb 48 vengono trasformate in ALUb 24, con 24 posti a sedere ed un più ampio ambiente per il servizio postale. Di queste, una solta unità sarà rimessa in servizio dopo la guerra, nel 1946. Quattro ALb 48 e quattro ALUb 24 vengono attrezzate, durante il periodo bellico, per il funzionamento a metano. Nel 1954 vengono ricavati sette rimorchi, classificati Ln 55.101 - 107, partendo da quattro ALb 48 e da tre automotrici ex SFB, classificate AUTO BCz 48.22.01 - 03 presso le Ferrovie Biellesi. Per queste ultime si tratta di una trasformazione che segue immediatamente all'acquisizione nel parco FS.
  • Le sette unità rimorchiate vengono naturalmente private dei banchi di guida e demotorizzate.
  • Al 1° gennaio 1983 risultano ancora in parco quattro Ln 55 (102 - 105, ex SFB 02 e 03 e ALb 48.105 e 106): uno in servizio presso il deposito di Treviso, tre accantonati in attesa di demolizione a Pisa.

Bibliografia

  • “Le Automotrici della prima generazione” di N. Molino, S. Pautasso - Edizioni Elledi 1983